Che cos'è il staking? foto
Casa > Blog > Che cos'è il staking?

Che cos'è il staking?

35452 min. da leggere

    Cos’è lo staking crittografico?


    Il modo più semplice per dirlo è che lo staking è un'alternativa al mining. Tradizionalmente, il mining di criptovalute implica l'utilizzo di molte risorse informatiche per risolvere equazioni matematiche sempre più complesse, che aggiungono nuovi blocchi alla blockchain e sbloccano (o coniano) nuove monete crittografiche.

    Tuttavia, ultimamente si è verificata una sorta di reazione contro l’attività mineraria “tradizionale”. Questo perché l'attività mineraria può essere ad alta intensità energetica, il che significa che utilizza molta elettricità, il che causa non pochi danni ambientali. L’impronta di carbonio di alcune criptovalute è considerevole, il che ha portato a temere che le criptovalute causino più problemi di quanti ne risolvano.

    Le criptovalute sono quasi sempre decentralizzate. Dato che sono decentralizzati, hanno bisogno di qualcosa che li porti tutti sulla pagina giusta. Il processo che utilizzano è chiamato meccanismo di consenso.

    Le criptovalute che si basano sul mining tradizionale sono chiamate prove di lavoro. La prova di lavoro prevede l'utilizzo di dati relativi al mining di criptovalute. Utilizza processi di dati per verificare le transazioni e assicurarsi che non vengano ripetute. La prova del lavoro funziona davvero solo quando si tratta di blockchain più semplici. Bitcoin, ad esempio, può utilizzare la prova di lavoro perché la catena stessa è abbastanza semplice. Per altre blockchain, tuttavia, la prova del lavoro diventa molto inefficiente quanto più complessi diventano i processi. Il sistema si intasa, le transazioni diventano più lente e le tariffe aumentano, il che infastidisce i clienti.

    Lo staking crittografico viene utilizzato da altri sistemi per aggirare questo problema facendo crescere le proprie blockchain. L'idea è che le persone possano aggiungere blocchi a una blockchain senza dover fare mining. Possono invece bloccare le criptovalute che hanno già in un portafoglio speciale, "staffandole" e, in cambio, ad un certo punto saranno in grado di aggiungere un blocco alla blockchain. Ciò significa che le persone possono, in alcuni casi (almeno in teoria), procurarsi nuove monete senza utilizzare grandi quantità di potenza di calcolo potenzialmente ecologicamente dannosa.

    Anche lo staking in criptovalute è, sempre in teoria, un po' più veloce del mining, il che significa che ci sono meno ostacoli e colli di bottiglia. E, cosa forse ancora più importante, anche le transazioni sono più economiche. Questo meccanismo di consenso è chiamato proof-of-stake.

    I potenziali aspetti positivi dello staking delle criptovalute


    Potresti voler puntare se pensi di poter ottenere un ritorno sul tuo investimento con i pagamenti di ricompensa che vengono dati alle persone che stanno puntando in criptovalute. Ad esempio, potresti pensare che lo staking sia un'opzione migliore rispetto a lasciare la tua criptovaluta in un portafoglio finché il mercato non si muove abbastanza da decidere di trarre profitto vendendo o scambiando le tue monete.

    Nello staking, oltre a ottenere ricompense nella moneta puntata, alcuni protocolli emettono token di governance, che ti consentono di dire la tua su come viene gestita la rete. Ciò significa che puoi sentirti più coinvolto nel mondo delle criptovalute.

    Puoi anche collaborare con altri staker su alcuni protocolli per creare uno staking pool, che consente alle persone di mettere in comune le criptovalute in staking e condividere i premi se e quando vengono scelti per convalidare i blocchi sulla blockchain.

    Esiste un altro processo chiamato cold staking, che prevede la conservazione delle monete vincolate in un portafoglio offline. Funziona davvero solo quando è coinvolta una quantità davvero significativa di denaro virtuale, ma ha il vantaggio di essere molto più sicuro rispetto a tenerlo in un portafoglio online.

    Non esiste la "migliore criptovaluta per lo staking". Dovrai assicurarti di utilizzare una blockchain che supporti la prova di staking (ad esempio, Bitcoin è una prova di lavoro e non consente lo staking). Come sempre, è essenziale svolgere le proprie ricerche in modo da avere chiari i potenziali rischi e vantaggi.

    Avatar

    Eugen Tanase

    Direttore Operativo di 1BitUp

    Eugen Tanase è Chief Operating Officer di 1BitUp. Nel corso della sua lunga carriera di dirigente d'azienda ha acquisito una grande esperienza in progetti di energia rinnovabile, commercio transnazionale di risorse energetiche e molti altri settori. A partire dal 2015 si è addentrato nello studio delle applicazioni decentralizzate e della Blockchain insieme al mainstream del Bitcoin. Dal 2017 ha abbracciato il WEB3 e il Cloud Mining.

    0

    0 commenti

    Post popolari

    Post popolari