Che cos'è il dimezzamento? foto
Casa > Blog > Che cos'è il dimezzamento?

Che cos'è il dimezzamento?

11683 min. da leggere

    Come funziona l'halving di Bitcoin?


    Per capire come funziona l'halving di Bitcoin, devi prima conoscere le basi su come viene creata la criptovaluta.

    I Bitcoin nascono tramite un sistema decentralizzato, in cui persone note come minatori utilizzano sistemi informatici ad alta potenza per risolvere enigmi crittografici al fine di verificare e convalidare le transazioni sul registro Bitcoin, noto come blockchain. In cambio, ricevono il pagamento sotto forma di bitcoin appena creati.

    Il mining di Bitcoin è una sorta di competizione. I minatori stanno essenzialmente gareggiando per essere i primi ad aggiungere nuovi blocchi alla blockchain. Per ogni blocco aggiunto ricevono come ricompensa un certo numero di nuovi bitcoin. L’ideatore di Bitcoin ha programmato che la ricompensa del blocco venisse dimezzata a intervalli regolari.

    La ricompensa per l'estrazione di un blocco viene ridotta della metà per ogni 210.000 blocchi aggiunti. Attualmente ci vogliono circa quattro anni per aggiungere così tanti blocchi, quindi il dimezzamento di Bitcoin si è verificato a intervalli di circa quattro anni. L'ultimo e il terzo halving hanno avuto luogo nel maggio 2020. Il prossimo è previsto nel 2024.

    Teoricamente, una volta creati 21 milioni di bitcoin, non ne verranno più prodotti.

    "Proprio come c'è una quantità limitata di oro sulla Terra, la quantità di Bitcoin è limitata a 21 milioni", afferma Buchi Okoro, CEO di Quidax, un exchange di criptovalute africano. "Si potrebbe quasi pensare a Bitcoin come a una risorsa naturale, ma per Internet. Ecco perché si chiama 'oro digitale.'"

    Perché si verificano gli halving di Bitcoin?


    Sebbene chi abbia effettivamente creato Bitcoin rimanga un mistero, si ritiene che la piattaforma sia stata creata in modo da renderla una valuta deflazionistica, con un potere d'acquisto che aumenta nel tempo.

    Con gli halving che comportano una diminuzione dei premi minerari, la creazione di nuovi bitcoin diventa una proposta sempre più costosa. Col passare del tempo, ogni moneta diventa sempre più preziosa. Ciò contrasta con valute come il dollaro statunitense, che invariabilmente perdono potere d’acquisto nel tempo.

    Se Bitcoin sia davvero un asset deflazionistico resta oggetto di dibattito.

    "Se Bitcoin fosse accettato come pagamento per beni e servizi, potrebbe essere interpretato in questo modo", spiega Daniel Waterloo, professore a contratto di tecnologia e gestione industriale presso l'Illinois Institute of Technology. "Tuttavia, la maggior parte delle aziende non accetta Bitcoin come pagamento, quindi questo potrebbe non essere un buon modo per misurare il suo valore deflazionistico."

    Invece, il valore di Bitcoin è più legato all’economia in cui si connette al “mondo reale”, come il costo dell’elettricità necessaria per estrarre i blocchi e la disponibilità delle persone a pagare per i bitcoin che rappresentano la ricompensa per quel lavoro. secondo Waterloo. "Bitcoin è quindi deflazionistico, nel senso che, nel tempo, sono disponibili meno monete per pagare una bolletta elettrica relativamente fissa, quindi ogni moneta deve valere di più delle monete precedenti (prima dell'evento di dimezzamento)", afferma.

    Un'altra teoria alla base della logica alla base dell'halving di Bitcoin è che il creatore della criptovaluta voleva che una percentuale maggiore di monete venisse generata fin dall'inizio per invogliare le persone a unirsi alla rete come minatori.

    Cosa succede ai prezzi dei Bitcoin durante l’halving?


    I dati storici mostrano una correlazione tra il dimezzamento del Bitcoin e l’aumento del prezzo del Bitcoin. Naturalmente, il prezzo non è influenzato solo dagli halving, ma da tutta una serie di fattori. Ecco un riepilogo di ciò che è accaduto durante i primi tre eventi di dimezzamento:

    Primo halving: al momento del primo halving, nel novembre 2012, il prezzo del Bitcoin era pari a circa 11 dollari. Nel giro di un anno è aumentato di cento volte.
    Secondo halving: nel luglio 2016, la rete Bitcoin ha raggiunto il traguardo dei 420.000 blocchi, innescando un secondo halving. Il prezzo del Bitcoin ha oscillato tra i 500 e i 1.000 dollari per alcuni mesi, per poi salire a circa 20.000 dollari nel dicembre 2017.
    Terzo halving: il terzo halving è avvenuto a maggio 2020, in coincidenza con un'altra corsa al rialzo per la criptovaluta. Al momento del dimezzamento, Bitcoin veniva scambiato a circa 9.000 dollari. Entro la fine dell’anno salì a circa $ 30.000.
    "All'inizio del ciclo di adozione di Bitcoin, la correlazione tra prezzo e tasso di mining era profonda", afferma Tom Frazier, CEO di Redivider Blockchain, un fondo di mining Bitcoin. "Oggi e nella maturità di Bitcoin, è probabile che ogni dimezzamento abbia un impatto sempre minore sul prezzo, soprattutto perché sempre più paesi adottano la criptovaluta e viene creata un'infrastruttura tecnologica e normativa più stabile."

    Per quanto riguarda l'aspetto deflazionistico del Bitcoin, possiamo guardare alla storia per fare riferimento al contesto, secondo Tracy Levine, responsabile dell'analisi dei dati e della scienza delle decisioni presso la Camera di commercio Blockchain.

    "Solo tre dei 64 halving totali previsti prima del 2140 si sono verificati", afferma Levine. "Se la tendenza di massimi e minimi crescenti continua dopo un halving, anche il prezzo futuro del Bitcoin dovrebbe continuare a fungere da copertura inflazionistica contro altre rappresentazioni di valore che possono essere gonfiate arbitrariamente."

    Cosa succede dopo che è stato emesso il numero massimo di bitcoin?


    Si prevede che l’ultimo dimezzamento avverrà nel 2140, dopodiché i premi in blocco non saranno più sotto forma di bitcoin. Invece, i minatori verranno ricompensati con commissioni dagli utenti della rete, le persone che acquistano e vendono bitcoin, in modo che siano incentivati a continuare a elaborare le transazioni sulla blockchain.

    La conclusione finanziaria


    Il dimezzamento del Bitcoin è un evento molto pubblicizzato che si verifica a intervalli di circa quattro anni, con il primo che si è verificato nel 2012. Fa parte della programmazione alla base della valuta virtuale per mantenere fissa la sua offerta totale. Come investitore, è importante fai attenzione agli halving di Bitcoin, poiché storicamente hanno causato fluttuazioni significative nel prezzo. Il prossimo halving è previsto nel 2024.

    Avatar

    Eugen Tanase

    Chief Operating Officer, 1BitUp

    Eugen Tanase is Chief Operating Officer at 1BitUp. Along his long Corporate Management career he gained lots of expertise in Renewable Energy Projects, Transnational Trade of Energy Resources, and many other fields. Starting 2015 he stepped into the study Decentralized Applications and Blockchain along with Bitcoin mainstream. From 2017 he embraced WEB3 and Cloud Mining .

    0

    0 commenti

    Post popolari

    Post popolari