Proof of Work vs Proof of Stake foto
Casa > Blog > Proof of Work vs Proof of Stake

Proof of Work vs Proof of Stake

10123 min. da leggere

    Proof of Work vs Proof of Stake è un argomento di lunga data nella comunità crittografica. Queste file possono riscaldarsi. La leggenda narra che una volta qualcuno, in preda alla rabbia, lanciò una sedia. Qui spiegheremo con calma PoW vs PoS... e i pro e i contro di ciascuno di essi.

     

    Cos'è la prova di lavoro?


    Prima di approfondire i confronti, diamo un’occhiata a come funziona PoW.

    La Proof of Work è più comunemente associata a Bitcoin, ma viene utilizzata anche in altre criptovalute. Si tratta di un algoritmo progettato per confermare le transazioni e ottenere nuovi blocchi aggiunti alla blockchain.

    Con Proof of Work, i miner competono per essere i primi a completare un complesso puzzle matematico che genererà questo nuovo blocco, il che significa che potranno raccogliere alcuni nuovi bitcoin come ricompensa.

    Forse ti starai chiedendo... qual è lo scopo della Proof of Work? Innanzitutto, perché chiedere ai minatori di risolvere questi complessi enigmi matematici? Bene, l’idea alla base di questo algoritmo è fermare gli attacchi denial-of-service che rallentano la blockchain.

    Scoraggiare gli attacchi di spam


    Poiché questi enigmi richiedono uno sforzo informatico considerevole, aiutano a scoraggiare gli autori malintenzionati che potrebbero essere tentati di lanciare un attacco di spam. Tieni presente che è necessario raggiungere un attento equilibrio con gli algoritmi Proof of Work. Se i puzzle sono troppo difficili, si formeranno pochi nuovi blocchi.

    Anche Ethereum, un’altra importante rete blockchain, utilizza Proof of Work al momento, ma nel prossimo anno o due passerà alla Proof of Stake.

    Diamo una rapida occhiata ai vantaggi e agli svantaggi del Proof of Work. Da un lato, coloro che sono a favore di questo algoritmo sottolineano come chiunque possa essere un minatore purché abbia la potenza di calcolo da dedicarvi.

     

    Più difficile da estrarre


    Tuttavia, c’è un problema con questo argomento. Col passare del tempo, sta diventando sempre più difficile estrarre BTC e, rispetto a qualche anno fa, c’è molta più concorrenza per ricompense ridotte.

    Quando si parla di Bitcoin, è praticamente impossibile beneficiare del Proof of Work se si possiede un normale PC. Al giorno d'oggi, sono necessarie apparecchiature sofisticate per ottenere qualsiasi vantaggio e, dal punto di vista del consumo energetico, il loro funzionamento può costare un occhio della testa.

    Una ricerca condotta all’inizio del 2021 dal Centre for Alternative Finance dell’Università di Cambridge nel Regno Unito suggerisce che l’estrazione di BTC consuma più energia dell’intera Argentina.

    L'utilizzo annuale di BTC alimenterebbe inoltre ogni bollitore nel Regno Unito per ben 27 anni (ora questo è un confronto che i lettori britannici troveranno più interessante). Ci sono preoccupazioni riguardo all’enorme volume di energia necessaria per alimentare la rete Bitcoin, principalmente a causa dell’impatto sull’ambiente.

    Altri problemi con Proof of Work includono quanti dei complessi enigmi matematici risolti dai minatori alla fine hanno poco o nessun valore. Le risposte a queste equazioni non finiscono per essere utilizzate per la ricerca scientifica.

     

    Cos'è la prova di puntata?


    Ora che abbiamo dato un calcio alle gomme della Proof of Work, è tempo di vedere come si comporta la Proof of Stake al confronto. Ecco come funziona la PoS: con Proof of Stake, la tua capacità di estrarre nuove monete o convalidare transazioni non è legata alla tua capacità di risolvere quei complessi enigmi di cui parlavamo prima. Invece, è direttamente collegato a quante monete possiedi.

    Immaginiamo che Richard abbia il 5% delle monete disponibili su una blockchain. Attraverso la Proof of Stake, ciò significherebbe che ha il diritto di estrarre fino al 5% delle nuove transazioni. Sebbene la Proof of Stake consumi molta meno energia (il che significa che i bollitori e le tazze di tè britannici non sono in pericolo), ciò può creare ostacoli finanziari per i nuovi miner.

    Dal punto di vista della sicurezza, non c’è molto incentivo a lanciare un attacco quando esiste un algoritmo Proof of Stake. In primo luogo, farlo sarebbe estremamente costoso. In secondo luogo, il calo di valore causato dall’attività dannosa lascerebbe l’aggressore ancora più in difficoltà.

     

    Prova di lavoro vs Prova di puntata


    Quindi – abbiamo fornito una semplice spiegazione di Proof of Work e Proof of Stake. Ma chi vincerebbe nella battaglia tra Proof of Work e Proof of Stake?

    Dipende da chi chiedi. Alcuni sostengono che un confronto diretto tra PoW e PoS sia difficile da realizzare perché la Proof of Stake non è stata utilizzata così ampiamente come la Proof of Work.

    Si tratta di un tipo di algoritmo di consenso molto più nuovo e, di conseguenza, non abbiamo ancora visto come si comporterebbe la Proof of Stake con una blockchain importante. Intendiamoci, con l’implementazione completa di Ethereum 2.0 nel corso del prossimo anno, avremo un’idea migliore di come funziona questo meccanismo.

    Ci sono alcune idee radicali là fuori su come funzioneranno le blockchain in futuro. Alcuni sostengono che non dovremmo vivere in un mondo di Proof of Work vs Proof of Stake e, invece, dovremmo fare affidamento su modelli ibridi in cui vengono utilizzati entrambi gli algoritmi di consenso. In questo modo, è possibile sfruttare i vantaggi di entrambi e mitigarne gli svantaggi.

    Alcune blockchain stanno invece aprendo un percorso in cui utilizzano algoritmi di consenso completamente diversi. Solo alcuni di essi includono Prova di ustione, Prova di capacità, Prova di peso e Prova di attività.

    La lista sembra essere praticamente infinita. Poiché l’innovazione continua in questo settore (ancora giovane), è molto probabile che vedremo emergere più approcci per proteggere le blockchain in un futuro non troppo lontano

    Avatar

    Eugen Tanase

    Chief Operating Officer, 1BitUp

    Eugen Tanase is Chief Operating Officer at 1BitUp. Along his long Corporate Management career he gained lots of expertise in Renewable Energy Projects, Transnational Trade of Energy Resources, and many other fields. Starting 2015 he stepped into the study Decentralized Applications and Blockchain along with Bitcoin mainstream. From 2017 he embraced WEB3 and Cloud Mining .

    0

    0 commenti

    Post popolari

    Post popolari